I Guru

Chi sono i Guru

Dinnanzi a una decisione importante, a una scelta che sappiamo essere particolarmente influente sulla nostra vita futura, la questione più cogente, dalla cui soluzione dipendono in gran parte la nostra felicità e la nostra realizzazione personale, è la domanda sull’autenticità.
Non è insolito, quando si è chiamati a scegliere una strada in luogo di un’altra, porsi la seguente domanda: “Quanto di me, della mia parte più intima, è coinvolta nella strada che ho deciso di intraprendere? Ciò che mi appresto a fare esteriormente coincide davvero con il mio Io più autentico?”
Può capitare, tuttavia, che questa domanda non venga mai posta o può darsi anche il caso che ad essa si risponda in modo superficiale e sbrigativo. È in casi come questi, quando cioè seguitiamo a vivere senza identificarci pienamente nel cammino che stiamo compiendo, quando guardiamo i passi compiuti e non troviamo in essi alcunché di familiare, che si fanno strada quelle sensazioni esistenziali - la noia, l’inquietudine, l’ansia, la nausea... - che fungono da spia di un’esistenza inautentica.
Per comprendere quanto ciò sia vero, sebbene si tratti di un fenomeno non pienamente catturabile dai sondaggi e dalle statistiche, basta analizzare i volti grigi e disincantati degli abitatori delle città moderne, dove agglomerati informi di uomini e donne, ridotti ad atomi apolidi, soli anche quando vivono immersi in una fitta rete di contatti, immemori di un passato da custodire e incapaci di un futuro da progettare, “si lasciano vivere”, quasi abbandonati alle suadenti correnti del nichilismo dolce.
“Orientarsi”, in questo contesto, significa innanzi tutto “conoscersi”, o meglio “ri-conoscersi”, impugnare le redini della propria personalità, ridestando quelle inclinazioni innate che ci orientano a realizzarci sotto ogni punto di vista. Tuttavia, questo percorso non sempre può essere compiuto in solitudine.
In ogni tempo, ma in modo particolare oggi - epoca in cui i confini fra i riferimenti valoriali sono particolarmente fluidi e non esistono modelli forti con cui confrontarsi dialetticamente -, si rende necessaria la dimensione comunitaria di tale percorso di risveglio. La parola “guru”, la cui radice etimologica sanscrita indica “colui che dissipa l’oscurità”, ben si presta a indicare quella figura umana che diviene indispensabile per andare in profondità di se stessi e (ri)trovare i propri capisaldi esistenziali.
L’Associazione ASTER, attraverso i propri seminari di filosofia, ha avuto la possibilità di raccogliere attorno a sé diverse personalità forti, non solo competenti ciascuno nel suo settore, ma anche capaci di trasmettere esperienze vissute e spunti di riflessione alle ragazze e ai ragazzi delle scuole superiori, nel pieno del loro tumultuoso percorso di crescita e trasformazione. Personalità che hanno riportato le proprie esperienze lavorative, culturali e personali al fine di fornire mezzi per la comprensione alle generazioni più giovani, ora indicando una strada, ora fornendo semplicemente un metro di paragone con cui misurarsi.
In questa pagina, è possibile ripercorrere parte dell’esperienza degli ultimi anni di attività, svolta mediante la discussione filosofica e la trattazione di temi che sono riusciti a scuotere le coscienze dell’uditorio e a fornire ulteriori occasioni di crescita individuale e comunitaria.
Foto Professore Salvatore Lo Bue
Foto Professore Giuseppe Savagnone
Foto Professore Vincenzo Lima
Foto Professore Giorgio Palumbo
Foto Professoressa Isabel Trujillo
Foto Don Giuseppe Brighina
Foto Professore Alberto Mingardi
Foto Professore Luciano Lavecchia

Seminari di Filosofia

Area Seminari

Avviso Seminari di Filosofia

popup seminario